INAF - Astronomical Observatory of Padova

INAF - Astronomical Observatory of Padova is one of the main structures of the National Institute of Astrophysics (INAF). The main activity of the Observatory is to perform scientific research in various  fields of Astrophysics. The Observatory also contributes to  advanced education, assists in the dissemination of knowledge and implements project of education and outreach of Astronomy.

La Specola.jpg

In evidenza

Print

INAF - Osservatorio Astronomico di Padova

Event 

Title:
Seminario Dr. ssa Elena Valenti
When:
24.05.2018 - 24.05.2018
Where:
Aula L. Rosino - Dipartimento di Fisica ed Astrono - Padova
Category:
Seminario

Description

Seminars

Giovedi 24 Maggio 2018, h. 11:30 
 Aula L. Rosino Dipartimento di Fisica e Astronomia

  Elena Valenti

   ESO, Garching
 

 The Milky Way bulge in the surveys era

 

ABSTRACT

The formation of the central regions of disk galaxies that we call galactic bulges remains a debated topic in modern galaxy evolution. In this respect, the bulge of the Milky Way offers a unique opportunity to investigate in detail the role that different processes (secular evolution, dynamical instabilities, hierarchical merging, dissipational collapse etc..) may have played in the Galaxy formation and evolution. Indeed, it is only in the bulge of the Milky Way that all stars can be individually resolved, allowing to correlate the global structural properties of the bulge with the characteristics of its stellar population, such as age, chemical content, and kinematics. However, this advantage comes with the need of covering a large area on sky (~500 sqdeg). In this respect, large observation programmes and surveys are now providing a global view of the bulge stellar population properties that can be used to constraint formation and evolution models. I will review our current understanding of the three-dimensional structure, chemical composition, age and kinematics of the bulge as obtained from recent photometric (e.g. VVV/X, OGLE) and spectroscopic (e.g. BRAVA, ARGOS, GIBS, GES, APOGEE) surveys.

 


 

Venue

Venue:
Aula L. Rosino - Dipartimento di Fisica ed Astrono
Street:
vicolo dell'Osservatorio 2
ZIP:
35122
City:
Padova

Description

Sorry, no description available

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • Oggi su Science la scoperta firmata da ricercatori italiani – coordinati da Luciano Iess di Sapienza Università di Roma – utilizzando i dati raccolti nelle ultime orbite della sonda Cassini intorno al gigante gassoso

  • Dopo la notizia dello scorso 8 gennaio della sospensione, a causa di problemi tecnici, dell’attività della fotocamera principale di Hubble, ecco l’annuncio del ripristino: problema risolto, la Wide Field Camera 3 è pronta per catturare nuove eccezionali immagini

  • Si chiama Cosmos il premio ideato dal fisico Gianfranco Bertone, e promosso insieme dal Miur e dalla Sait, che ha come obiettivo principale la promozione della cultura scientifica in Italia. Oltre al premio assegnato da un comitato composto di personalità di spicco della divulgazione scientifica, ci sarà un ”Premio Cosmos degli Studenti”, che verrà assegnato dagli studenti delle scuole superiori che parteciperanno all’iniziativa

  • Nome in codice Grb 190114C, è il primo gamma ray burst mai rilevato con telescopi Cherenkov, dunque alle energie del TeV. Particolarmente brillante, è stato osservato da numerosi telescopi spaziali e terrestri, e fornirà agli astrofisici informazioni cruciali sull’origine di questi fenomeni – i più energetici dell’universo dopo il Big Bang

  • Colta, per la prima volta, l’interazione tra il getto responsabile dell’emissione ad alta energia e gli strati più esterni della stella progenitrice. Con l’evento è stato avvistato anche un potentissimo lampo di raggi gamma. Lo studio pubblicato su Nature è firmato da numerosi astronomi dell’Istituto Nazionale di astrofisica

  • In questo articolo di Mauro Messerotti, ricercatore all’Inaf di Trieste, tutte le informazioni per seguire al meglio il fenomeno. Certo, occorrerà alzarsi prima dell’alba, ma ne varrà la pena: per la prossima eclisse totale di Luna visibile in tutta la fase di totalità occorrerà infatti attendere una decina d’anni, fino al 31 dicembre 2028

Go to top

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information