INAF - Astronomical Observatory of Padova

INAF - Astronomical Observatory of Padova is one of the main structures of the National Institute of Astrophysics (INAF). The main activity of the Observatory is to perform scientific research in various  fields of Astrophysics. The Observatory also contributes to  advanced education, assists in the dissemination of knowledge and implements project of education and outreach of Astronomy.

Specola e Dipartimento di Fisica ed Astronomia.jpg

In evidenza

Print

INAF - Osservatorio Astronomico di Padova

Event 

Title:
Seminario Dr. David Nataf
When:
15.11.2018 - 15.11.2018
Where:
Aula L. Rosino - Dipartimento di Fisica ed Astrono - Padova
Category:
Seminario

Description

Seminars

Giovedi 15 Novembre 2018, h. 11:30 
 Aula L. Rosino Dipartimento di Fisica e Astronomia

  David Nataf 

   STScI Baltimore, USA
 
 

 Clues to Globular Cluster Formation

Abstract

 Globular clusters are now well-established to host “Second-generation” stars, which show anomalous abundances in some or all of He, C, N, O, Na, Al, Mg, etc.  The simplest explanations for these phenomena typically require the globular clusters to have been ~20x more massive at birth, and to have been enriched by processes which are not consistent with the theoretical predictions of massive star chemical synthesis models. The library of observations is now a vast one, yet there has been comparatively little progress in understanding how globular clusters could have formed and evolved. In this talk I discuss two new insights into the matter. First, I report on a meta-analysis of globular cluster abundances that combined APOGEE and literature data for 28 globular clusters, new trends with globular cluster mass are identified. I discuss the chemical properties of former globular cluster stars that are now part of the field population, and what can be learned.

Venue

Venue:
Aula L. Rosino - Dipartimento di Fisica ed Astrono
Street:
vicolo dell'Osservatorio 2
ZIP:
35122
City:
Padova

Description

Sorry, no description available

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • Per la prima volta è stata osservata “in tempo reale” la nascita di un sistema binario con con stelle di grande massa. Allo studio, pubblicato oggi sulla rivista Nature Astronomy, ha partecipato anche Maria Teresa Beltrán, ricercatrice dell’Istituto nazionale di astrofisica a Firenze

  • Da un confronto tra i dati di Gaia e quelli dei radiotelescopi è emerso un errore sistematico nelle misure fatte dal telescopio spaziale Esa circa le coordinate di un'intera classe di oggetti celesti, i nuclei galattici attivi. Le mappe spaziali più accurate sono quelle che si basano su osservazioni orbitali corrette con quelle dei radiotelescopi terrestri. Tutti i dettagli su ApJ

  • Prodotta una mappa 3D del campo magnetico di una porzione di cielo della nostra galassia. I risultati, pubblicati sulla rivista The Astrophysical Journal, sono stati ottenuti da un team di tre ricercatori della Australian National University

  • Un grande evento attende astronomi, scienziati e curiosi: se tutto andrà bene, dovrebbe diventare presto disponibile la prima “immagine” ad alta risoluzione mai realizzata di un buco nero, o più precisamente della sua “ombra”. Per saperne di più, Media Inaf ha raggiunto Ciriaco Goddi, responsabile scientifico del progetto BlackHoleCam, che ci svela il ”dietro le quinte” dell’esperimento più atteso dell’anno

  • Per scoprire come si formano i pianeti gli astrofisici eseguono calcoli complessi e dispendiosi in termini di tempo. I membri del Nccr PlanetS presso l'Università di Berna hanno sviluppato un approccio totalmente nuovo per accelerare drasticamente questo processo, utilizzando il deep learning basato su reti neurali artificiali, un metodo ben noto nel riconoscimento di immagini. Tutti i dettagli su A&A.

  • I dettagli della formazione dello ione H3+, una molecola fondamentale per la chimica dell'universo e della vita, sono stati ottenuti a partire da studi di eccitazione laser di una serie di composti organici. La ricerca, condotta da un team della Michigan State University, è pubblicata su Nature Communications

Go to top

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information