Privacy

Privacy

Informazioni personali

Viene considerata "informazione personale" ogni informazione relativa alla persona fisica, che, a seguito di numero, simbolo, marchio o altro identificativo possa essere, tramite esso, identificata.
Il sito è navigabile senza rivelare la propria identità o fornire informazioni personali.

Informazioni raccolte automaticamente

Visitando il sito vengono raccolte automaticamente le seguenti informazioni:

  1. Hostname dell'utente o indirizzo di Internet Protocol dell'utente che chiede accesso al sito
  2. Intestazione HTTP, e la stringa "user agent" che comprende: il tipo e la versione di browser utilizzato e il sistema operativo con il quale il browser stesso funziona.
  3. System date. La data e il momento della visita dell'utente.
  4. Richiesta completa. L'esatta richiesta formulata dall'utente.
  5. Content length. La consistenza, in bytes, di ogni documento inviato all'utente
  6. Metodo. La modalità di richiesta utilizzata
  7. Universal Resource Identifier (URI). La collocazione delle risorse nel server.
  8. La stringa di Richiesta della URI, ovvero tutto quello che si trova dopo il punto di domanda nella URI.
  9. Protocollo. Il protocollo di trasmissione e la versione utilizzata.

Nessuna delle informazioni precedentemente elencate costituisce una "informazione personale"

Le informazioni raccolte automaticamente vengono utilizzate ai fini della realizzazione di indagini statistiche su accesso e uso.

Cookie

I Cookie sono semplici files di testo che vengono immagazzinati nel web browser del visitatore, per potere distinguere tra di loro gli utenti del sito.
L'uso di cookie è una pratica standard all'interno dei siti internet.

I cookie di sessione, che possono essere creati automaticamente per accedere ad alcuni servizi non contengono informazioni personali e sono, quindi, rispettosi della privacy dell'utente.

Il software e l'hardware utilizzati per accedere al sito, consentono di rifiutare nuovi cookie o di cancellare quelli già esistenti. Rifiutare o cancellare un cookie può limitare la capacità di utilizzare al meglio dei servizi offerti da questo sito.

Collegamento a siti web esterni a www.oapd.inaf.it

Il sito web INAF Padova dei collegamenti ad altri siti di cui INAF Padova non è responsabile.

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • Un telegramma astronomico pubblicato ieri dal team del satellite Agile dà notizia di un improvviso incremento nell’emissione gamma della Nebulosa del Granchio. Ce ne parla Marco Tavani dell’Inaf Iaps di Roma, responsabile scientifico della missione

  • Serena è la suite di strumenti dedicata allo studio delle particelle presenti nell'ambiente attorno a Mercurio, pronta per decollare a bordo della missione BepiColombo. A lei il compito di raccogliere informazioni sulla tenue atmosfera del pianeta e su come questa interagisca con l'attività del vicino Sole. L'intervista a Stefano Orsini, dell'Inaf, responsabile scientifico di Serena

  • Grazie alla potenza del radiotelescopio Alma, una nuova ricerca britannica ha individuato un segno distintivo negli anelli di polvere dei dischi protoplanetari che indica lo spostamento in corso di un pianeta verso una sistemazione gravitazionalmente più consona. Secondo lo studio guidato dall'Università di Warwick, a fare la differenza è la dimensione dei grani di polvere

  • Attraverso collisioni fra ioni di xeno, prodotte al Cern con Lhc e analizzate con l'esperimento Alice, è stato possibile ricostruire proprietà fondamentali del plasma di quark e gluoni che costituiva la materia dell'universo all'epoca del Big Bang

  • Con il telescopio spaziale Hubble gli studiosi cercano di capire come l’intensa emissione di raggi ultravioletti da parte delle stelle nane rosse influenzi i pianeti nella zona abitabile. Fra gli autori dello studio, Isabella Pagano dell’Inaf di Catania

  • Si chiama More, acronimo per Mercury Orbiter Radioscience Experiment, e riflettendo come uno specchio complessi segnali radio ad altissima frequenza, inviati da due enormi antenne terrestri, permetterà alla missione Esa BepiColombo di tracciare una sorta di tomografia dell’interno di Mercurio. E di mettere alla prova la Relatività generale di Einstein

Go to top

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information