Seminars

Giovedi 31 Maggio 2018, h. 11:30 
 Aula L. Rosino Dipartimento di Fisica e Astronomia

  Cesare Chiosi

   Dipartimento di Fisica e Astronomia, Università di Padova 
 

 The Scale Free Theory of Stellar Convection: a critical review

 

ABSTRACT

 

 

S. Pasetto , C. Chiosi , M. Cropper , E. Chiosi , D. Crnojevi¢

Presentato da Cesare Chiosi

 


Pasetto et al. (2014) developed a fully self-consistent, scale-free theory of stellar convection (SFCT) in which the velocities, dimensions and energy fluxes carried by convective elements are first determined the rest frame co-moving with a generic convective element and then transfered to the inerial frame of a star. As the dynamics of the problem is formulated in a different context compared to the classical Mixing Length (ML) theory, the resulting equations are sufficient to determine all the properties of stellar convection as a function of the environment physics, with no need at all of the Mixing Length (ML) parameter. Subsequently, Pasetto et al. (2016) and Chiosi, Pasetto & Chiosi (2016) improved upon the SFC theory by introducing suitable boundary conditions at the surface of the external convection in a star and presented the first stellar models and companion evolutionary tracks on the Hertzsprung-Russell Diagram (HRD). In the meantime, the SFC theory has been criticized by Miller-Bertolami et al. (2016) who confute  that (a) convective elements and surrounding medium cannot be in hydrostatic equilibium, (b) the velocity regimes for the upward/inward motion  and the expansion/ shrinkage of convective elements and (c) the permitted range of applicability of the theory.  In this study we critically review all the assumptions at the basis of the SFCT,
confute the arguments by Miller_Bertolami et al and demonstrate that their criticism  is not physically motivated.

 

 

 

  

 

           Previous Seminars                                           Next Seminars

__________________________________________________________________________________

       To propose a seminar                                                                 To be included in the mailing li

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • Caldo, insetti e ore interminabili di lavoro: questo e molto altro è lavorare nell'Outback in Australia Occidentale. Tutto per installare antenne a bassa frequenza del progetto Square Kilometre Array. Sono le prime 256 di 130mila e l'installazione verrà completata nei prossimi anni. L'Italia è uno dei partner principali del consorzio che si occupa di queste antenne, dalla simpatica forma ad albero di Natale

  • L'aggiunta di Apex all’Event Horizon Telescope rivela nuovi dettagli nella struttura asimmetrica e non puntiforme della sorgente Sgr A * al centro della Via Lattea. Il miglioramento della risoluzione angolare conseguito grazie ad Apex rivela ora dettagli dell’ordine di 36 milioni di km: dimensioni che sono solo 3 volte più grandi dell'ipotetica dimensione del buco nero (3 raggi di Schwarzschild). Tutti i dettagli su The Astrophysical Journal.

  • Questo specchio fungerà da "occhio" per il network di radio antenne MeerKat, uno dei precursori del progetto Square Kilometre Array, e si aggiunge agli strumenti presenti nel deserto Karoo in Sudafrica

  • Il rover della Nasa ha perforato con successo un buco profondo circa cinque centimetri sul suolo marziano e raccolto un campione di polvere di roccia. Si tratta del primo campione ottenuto con il trapano da quando il sistema di perforazione aveva smesso di funzionare

  • Un team di astronomi guidato da Raffaella Anna Marino e Sebastiano Cantalupo del Politecnico di Zurigo ha recentemente scoperto, grazie a quasar impiegati come ”fari cosmici”, dieci galassie primitive e povere di stelle

  • L'atmosfera della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko è tutt'altro che omogenea. Oltre agli improvvisi scoppi di gas e polvere, all’alba si possono osservare fenomeni ricorrenti, quotidiani, dove il gas sublimato e la polvere da lui trascinata, si concentrano per formare strutture a forma di getti. Un nuovo studio Nature Astronomy identifica nella strana forma della cometa la causa principale di questi getti

Go to top

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information